DSC_3100.JPG

I MIELI

Secondo Virgilio il miele  era un succo che impregnava l’aria e l’ape  l'unico organismo in grado di estrarlo.

Plinio, invece, era convinto che il miele fosse la saliva delle stelle, che le api, vagando per il cosmo, raccoglievano tra gli astri.

Ora sappiamo che il miele è il frutto più prezioso dell’antica e solida amicizia tra le piante superiori (quelle con i fiori) e le api, “le figlie del sole” ,le uniche creature, secondo il filosofo Rudolf Steiner, in grado di catturare l’energia cosmica per poi donarcela.

                                               il miele non è semplicemente un dolcificante naturale

Oltre ad essere nutriente, energizzante , e un meraviglioso concentrato di profumi colori e sapori , il Miele ha provate proprieta' benefiche sul nostro organismo:  svolge una potente azione disinfettante, antibatterica ed antiossidante, per questo lenisce il mal di  gola e calma la tosse,  contribuisce alla cicatrizzazione di ferite e di bruciature.

NON ESISTONO DUE MIELI UGUALI

Ogni miele rappresenta il risultato delle molteplici e irripetibili interazioni tra le api e le varietà botaniche caratteristiche di un determinato ambiente. Infiniti sono i mieli,

proprio come infinite sono le combinazioni che possono verificarsi tra questi elementi. 
 

Ogni stagione è una storia a sé,

con le sue piogge, i suoi freddi imprevisti, le tempeste di vento inaspettate e il caldo che arriva a volte d'improvviso....le fioriture delle piante sono strettamente legate a tutta questa variabilità, ed è per questo che il raccolto è ogni anno diverso e non sempre sono disponibili tutte le varietà di Miele.


Convivere col cambiamento climatico in atto e con una pratica agricola ancora troppo concentrata sulla massimizzazione delle produzioni piuttosto che sul rispetto, è la grande sfida che noi Apicoltori affrontiamo stagione dopo stagione.


C'è uno stretto legame che unisce il benessere delle Piante a quello delle Api, il frutto di questo legame e delicato equilibrio è il Miele.


Quando il Listino è “corto” e ci sono pochi Mieli disponibili significa che qualcosa ha compromesso questo delicato equilibrio,  qualcosa non ha funzionato e qualcuno ha sofferto.

IMG_20210218_101832.jpg

miele fiori di primavera

E’ il primo miele della stagione, prodotto solo dalle famiglie di api che escono dall’inverno molto forti ed in grado di riempire i melari.

E' composto dal nettare dei fiori di tarassaco, melo e ciliegio selvatico e anche di erica quando lo fanno le api sulle colline intorno a firenze o sulla costa.

E' un miele chiaro e dolce e  cristallizza.

Se c'è una forte prevalenza di nettare di Ciliegio selvatico avremo il 

MIELE di CILIEGIO.

Se invece si sente una forte prevalenza di nettare i Erica avremo il 

miele di erica.

Tutti mieli primaverili chiari, dolci ,fruttati e con tendenza alla cristallizzazione. 



 

DSC_2327.JPG
acacia.JPG

MIELE DI ACACIA

E' un miele molto amato per il suo colore chiaro , per il sapore molto delicato e per la sua consistenza sempre liquida  per via del nettare dell'Acacia molto ricco di fruttosio che a parita' di temperatura cristallizza molto piu' lentamente del glucosio.

E' un miele molto amato dai bambini e ottimo dolcificante da utilizzare al posto dello zucchero per il caffè, il the le tisane. Ottimo con una buona ricotta fresca di mucca. 

miele di tiglio

Molto aromatico, balsamico e fresco . E’ uno di quei mieli che cristallizza molto velocemente assumendo una consistenza cremosa, ideale da spalmare sul pane.

Lo producono le api che bottinano sui tigli di collina intorno a Firenze.
 

miele di sulla

Un miele dolce, delicato, cremoso (cristallizza )e per questo sempre più apprezzato da adulti e bambini come alternativa al classico miele di acacia e per sostituire lo zucchero per nella preparazione di dolci.
Il nostro miele di sulla viene prodotto dalle api  sulle colline intorno a Rosignano Marittima (LI)


 

Miele fiori d'estate LITORALE TOSCANO

E' un millefiori chiaro e dal gusto delicato. Contiene in prevalenza nettare di Erba Medica, cristallizza velocemente ed è un miele molto verstile, uno di quelli che piacciono a tutti. 

DSC_3422.JPG

MIELE FIORI D'ESTATE  MUGELLO

contiene nettari di tiglio, ailanto, un po' di melata, rovo e gia' un po' di castagno.
È profumato e molto
aromatico ,si sente molto la presenza del  castagno . Dopo qualche mese  cristallizza  e diventa cremoso...ideale da spalmare sul pane ma ottimo anche per dolcificare tisane e latte caldo della sera.

MIELE di CASTAGNO

I Castagneti sono una caratteristica delle colline piu' alte del Mugello...i castagni sono grandi e vigorosi e il miele di Castagno che le api producono qui risulta molto puro.

Ha un colore scuro ma non scurissimo....quasi rosso.  Se invece molto molto scuro è perchè è un po' "sporcato" dalla Melata che ne addolcisce il caratteristico gusto amaro.

La caratteristica del Miele di Castagno è proprio il gusto amaro, l'odore forte. E' un miele molto aromatico che rimane liquido molto a lungo.
In alcune zone del Mugello in stagioni favorevoli le api producono un castagno addolcito dal nettare dei fiori di Rovo….il miele che chiamiamo “di
ROVO e CASTAGNO”...una variazione sul tema molto apprezzata.

DSC_4268.JPG

miele fiori delle alpi

Un miele prezioso prodotto a circa 1900 m s.l.m. in una bellissima valle alpina della Valle D'Aosta. il suo sapore è fruttato leggero e fresco, sa di aria incontaminata e di pascoli montani. Profuma di timo serpillo, Rododendro, Campanula, Lampone selvatico, Lupinella e Trifoglio.

le MELATE

A differenza dei monoflora e dei millefiori, le melate non derivano dal nettare  ma da secrezioni di afidi (la piu' comune in italia e' la Metcalfa) che si nutrono della linfa di alcune piante. Di questa trattengono le proteine mentre espellono la parte zuccherina sotto forma di melata: è questa parte zuccherina che bottinano le api. In piena estate, con il caldo umido, le popolazioni di afidi si sviluppano sulle parti verdi di rovi, sanguinelli, frassini, erbe di campo. Gli afidi, succhiano la linfa dalle piante e, trattengono la parte proteica, mentre espellono la parte zuccherina a formare una patina bianca  sui rametti delle piante. è questa parte zuccherina che bottinano le api e la lavorano come miele.
Non tutti gli anni si produce Melata...dipende dallo sviluppo delle popolazioni di Afidi e dalle condizioni di umidita' in estate.

 

 Le melate prodotte dalla Metcalfa  sono le melate di bosco, prodotte su molte e diverse specie.

Invece, altri insetti produttori di melata si nutrono solo ed esclusivamente su alcune piante ed è quindi possibile raccogliere melate di un’unica essenza, come la  "melata di ABETE”Per produrre la nostra melata d'abete portiamo le api vicino al monastero di Vallombrosa in casentino a ...

La melata -come tutti i mieli scuri – rispetto a quelli chiari é piu' ricca di sali minerali e antiossidanti. Il suo aroma ricorda quello del caramello.

 

melata abete_0.jpg